• Home
  • Dolci
  • Le ossa dei morti, dolci tipici siciliani (biscotti di pasta garofanata)

Le ossa dei morti, dolci tipici siciliani (biscotti di pasta garofanata)

0 0

Directions

Le ossa dei morti sono dei  biscotti siciliani molto croccanti che vengono preparati tutti gli anni nel periodo di Ognissanti e della Commemorazione dei defunti.

Questi straordinari dolcetti tradizionali sono caratterizzati da una base caramellata sovrapposta ad un guscio bianco cavo (che ricorda appunto le ossa), ottenute con un unico impasto.

Hanno un sapore particolare che viene dato dal mix di cannella e chiodi di garofano, una consistenza croccante ma al tempo stesso friabile.
La preparazione è molto semplice e prevede due step a distanza di qualche giorno perché le ossa dei morti prima della cottura devono asciugarsi all’aria per un paio di giorni e successivamente andranno cotti in forno.
L’asciugatura farà sì che durante la cottura , magicamente, le ossa dei morti assumano il tradizionale aspetto: base caramellata e superficie bianca cava.

Questo tipo di preparazione si chiama anche pasta garofanata!

_mg_0317

Vediamo insieme come preparare le ossa dei morti?

Ingredienti

  • 400 grammi Farina 00
  • 400 grammi Zucchero
  • 100 ml Acqua
  • 1 cucchiaino Cannella in polvere
  • 1 cucchiaino Chiodi di garofano

PROCEDIMENTO:

  • In un pentolino riscaldate l’acqua e aggiungete lo zucchero molto lentamente.
  • Mescolate con costanza e spegnete la fiamma prima che l’acqua giunga al punto di ebollizione. Non importa se lo zucchero non si scioglie completamente.
  • Su una spianatoia unite farina, cannella e chiodi di garofano macinati finemente.
  • Fate una conca al centro e versate a filo lo sciroppo di acqua e zucchero.
  • Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio.
  • Lavorate velocemente, sulla spianatoia, l’impasto delle ossa di morto con le mani fino a formare un filone spesso circa 2 cm.
  • Tagliate la pasta a tocchetti di 4 cm circa a cui darete la forma delle ossa.
  • Mettete le ossa di morto in una teglia, precedentemente rivestita con la carta forno, a 5-6 cm di distanza tra loro.
  • Coprite la teglia e lasciate a riposo per 2-3 giorni, possibilmente al sole, in questo modo la superficie esposta di ciascun biscotto si asciugherà e assumerà un colorito biancastro.
  • Trascorsi 2-3 giorni, bagnate la base dei biscotti con acqua e trasferiteli su una teglia rivestita con della carta da forno bagnata.
  • Fate cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per circa 10-15 minuti affinché lo zucchero all’interno delle ossa di morto, sciogliendosi, si depositerà nella parte inferiore di ciascun biscotto fino a riversarsi sulla carta forno ed a formare, così, una base caramellata scura e dura.
  • La parte scura sarà in netto contrasto con la parte superiore biancastra e friabile che avrà il sapore della cannella e dei chiodi di garofano.
  • A cottura completata estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare le ossa di morto a temperatura ambiente prima di consumarle.

_mg_0324

 

Spero che questa ricetta molto particolare vi sia piaciuta.
In questa settimana il calendario del cibo italiano celebra la Settimana della commemorazione dei defunti, le ambasciatrici Alessandra Gennaro (del blog An old fashioned lady) e Susanna Canetti (del blog Afrodita’s Kitchen) ci raccontano  cosa si nasconde dietro le tradizioni gastronomiche di questa settimana.
Vi consiglio di passare dal calendario del cibo italiano AIFB anche per scoprire i contributi di molti soci! 🙂

_mg_0327

(Visited 177 times, 9 visits today)
Le ossa dei morti, dolci tipici siciliani (biscotti di pasta garofanata)

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Cuisine:
Share

Daniela

previous
Vellutata di zucca senza lattosio
next
Pappardelle con castagne, lardo e grappa
Facebook Comments

2 Comments Hide Comments

Io da piccolina li mangiavo sempre…. e ricordo anche la paura di rompermi i denti sono molto duri e vanno consumsti con attenzione

Add Your Comment