La panzanella romana di Aldo Fabrizi

0 0

Directions

E che ce vo’

pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,

oppure è stabbilito da un decreto,

però ‘a qualità dev’esse quella.

In primise: acqua fresca de cannella,

in secondise: ojo d’uliveto,

e come terzo: quer divino aceto

che fa veni’ ‘a febbre magnerella.

Pagnotta paesana un po’ intostata,

cotta all’antica, co’ la crosta scura,

bagnata fino a che nun s’è ammollata.

In più, pe’ un boccone da signori,

abbasta rifini’ la svojatura

co’ basilico, pepe e pommidori.

Con queste parole il grande Aldo Fabrizi descriveva la panzanella alla romana, un pane bagnato condito con olio, aceto, pomodori, basilico e pepe.
Un piatto semplice e povero che prevedeva l’utilizzo del pane “intostato” cioè “vecchio”, un modo per utilizzare anche quel pane duro che non doveva assolutamente essere buttato, trasformandolo in un pasto gustoso e “un boccone da signori”.

IMG_8952

Col tempo la panzanella è diventato un piatto tradizionale, anche se la paternità è rivendicata dal popolo toscano, che rinnegano le versioni marchigiane e laziali.

Gli ingredienti sono, più o meno, comuni a tutte le regioni… ingredienti semplici che potevano essere trasportati dai pastori nelle bisacce durante le loro lunghe giornate nei campi… e che avrebbero permesso di preparare un pasto ovunque, con quello che si trovava nella dispensa di casa.

Nacquero cosi le diverse versioni, con l’aggiunta di ingredienti tipici delle regioni di appartenenza: olive, uova sode, cetrioli, cipolle.

Io ho deciso di preparare la panzanella alla romana perchè un po’ ricorda i pomeriggi di infanzia (in Calabria) quando mia nonna mi preparava per merenda una fette di pane (d’inverno abbrustolita sulla brace) con pomodoro strofinato, olio e sale.

IMG_8955

IMG_8956

 

Spero che questa breve ricetta vi sia piaciuta e per chiudere vi lascio con un video simpatico di Nino Manfredi  che intona “La panzanella”.

(Visited 1.807 times, 1 visits today)

E che ce vo’

pe’ fa’ la Panzanella?

Nun è ch’er condimento sia un segreto,

oppure è stabbilito da un decreto,

però ‘a qualità dev’esse quella.

La panzanella romana di Aldo Fabrizi

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
4 fette spesse Pane raffermo casareccio (a lievitazione naturale)
Pomodori maturi
Olio extravergine d'oliva
Aceto di vino rosso
Sale
Basilico
Pepe nero

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Lactose Free
  • Vegan
Cuisine:

Ingredients

Share

Steps

1
Done

Prendete 4 fette di pane raffermo casereccio (a lievitazione naturale).
Bagnatele sotto l’acqua fredda e fatele un po’ ammorbidire.

2
Done

Condite con olio extravergine d’oliva e aceto “divino”.
Infine pomodori tagliati a pezzi, sale, pepe.

3
Done

Rifinite con basilico fresco spezzettato a mano
Poche mosse per un risultato vincente: provare per credere!!

Daniela

previous
Ciliegino di Pachino con cuore di spuma di baccalà su acqua di peperone
next
Linguine con razza, datterini gialli e olive nere
Facebook Comments

4 Comments Hide Comments

ehi Daniela facevamo la stessa merenda! Anch’io ho il ricordo di mia nonna che strofinava il pomodoro sul pane. Che buono che era!!! Un bacio e grazie!

Anch’io mi ricordo le merende con la panzanella preparata da mia madre con mio padre che mangiava i miei pomodorini io ero piccolina e il pomodoro a pezzi non mi piaceva!! Mamma mia che bei ricordi domani la preparerò e sono sicura che una lacrima accompagnerà il tutto!

Ciao Tiziana, i ricordi dell’infanzia sono sempre belli e quelli legato al cibo ancora di più perché sono legati anche al gusto che cerchiamo di ritrovare in piatti del passato!
Fammi sapere se la mia panzanella ti farà rivivere la tua fanciullezza… e grazie per essere passata!

Add Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.