Cascione romagnolo con erbette ripassate

0 0

Directions

Come avete avuto modo di scoprire negli ultimi giorni, quelle che vi sto presentando sono ricette prese dal blog di Valentina (Profumo di limoni) per partecipare al gioco The Recipe-tionist di Cuocicucidici.

Scegliere tra le sue ricette è difficile -le farei tutte- ma ogni giorno pubblica cose nuove e mi viene voglia di rifarle subito piuttosto che scavare nelle ricette passate (cosa che comunque ho già fatto col polpo verace in agrodolce di lamponi, con le casarecce con ragù di salsiccia e con le rillettes di salmone).

Oggi vi presento, però, una ricetta della tradizione: i cascioni romagnoli.

Il cascione, cassone, crescione o calzone (in romagnolo carson o casòun) è una tipica preparazione basata sulla piadina dove la sfoglia viene farcita, ripiegata e chiusa prima della cottura.
Il nome deriverebbe dalla farcitura di erba crescione, al momento di difficile reperimento  ma un tempo abbondava lungo i fossati: questa erba – di per sé già saporita – poteva venire ulteriormente insaporita con aglio, cipolla, o scalogno. Questa usanza deriverebbe dal largo uso che si è sempre fatto nella cucina romagnola di erbe.

Oggi le farciture più comuni, con variazioni da luogo a luogo, sono: alle erbe, chiamato anche ‘cascione o crescione verde’, (può trattarsi di spinaci e/o bietole, e nel riminese anche ‘rosole’ (papaveri) macerate nel sale), con o senza ricotta e formaggio grattugiato; con una base di mozzarella e pomodoro abbinata o meno con salumi, e chiamato anche ‘cascione rosso’; con zucca e patate, spesso arricchite di salsiccia o pancetta.

I ripieni, quindi, spaziano veramente in base ai gusti e Valentina ha preparato due diversi ripieni… io essendo intollerante al lattosio ho riadattato la ricetta per poterla mangiare, preparando un ripieno di erbette miste ripassate in padella solo con olio, aglio e peperoncino.

Lo proviamo insieme? Vi avviso, io ne ho fatti pochi e me ne sono pentita… fatene in quantità industriali!

 

(Visited 196 times, 1 visits today)

Piadine ripiegate con qualsiasi ripieno la vostra gola vi suggerisca. Poi chiuse e cotte sul testo (o in padella).

Cascione romagnolo con erbette ripassate

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
500 grammi Farina tipo 1
320 grammi Latte o in alternativa la stessa dose di acqua tiepida
50 grammi Strutto o pari quantità di olio extravergine d'oliva
1 pizzico Sale
1 bustina Lievito istantaneo lievito pizzaiolo istantaneo
Erbette miste Cicoria, Bieta, Broccoletti, Cime di rapa
Aglio
Peperoncino
Olio extravergine d'oliva

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Lactose Free

Ingredients

Share

Steps

1
Done

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere creare un impasto compatto ma non duro.

2
Done

Suddividetelo in circa 16 pezzetti (senza attendere la lievitazione perché avverrà instantaneamente e si gonfierà in cottura) e tirare col mattarello dei dischi di circa 15 cm di diametro.

3
Done

In una grande padella saltate le erbette miste (cicoria, bieta, broccoletti... a vostro piacimento) con olio extravergine d'oliva, aglio e peperoncino. Poi fate raffreddare.

4
Done

Posizionate il ripieno al centro e chiudete i dischi a calzone facendo attenzione a non far uscire il ripieno, che dovrà essere sufficiente affinchè si senta ma non troppo abbondante per farlo fuoriuscire dal bordo. Considerate circa 1 cm di margine per arrotolare e sigillare il cascione.

5
Done

Cuocete da entrambi i lati su una piastra calda, come si fa con le piadine.
Abbiate pazienza perché devono cuocere senza bruciarsi all’esterno (anche se i miei sono parecchio abbrustoliti ma mi piacciono cosi), ma non devono nemmeno risultare crudi all’interno essendoci un ripieno umido.
Dopo i primi ci si prende la mano.

6
Done

Come dice Valentina (ed effettivamente è successo): Mentre cuocete i cascioni (in base a cosa userete, vi consiglio non più di due per volta), i bordi dei cascioni crudi si gonfieranno per via del lievito. Prima di cuocerli, schiacciateli con le dita ed appiattiteli.
Anche se In cottura si rigonfieranno, non ci saranno dubbi che l’interno sia effettivamente cotto e che non vi venga un bordo spropositato di pasta.

Daniela

previous
Casarecce con ragù di salsiccia
next
Pita

Come già detto ho dovuto sostituire gli alimenti a base di lattosio ed ho scoperto che sostituendo il latte con l’acqua il risultato è ugualmente interessante.

Voi decidete pure come procedere, io vi metterò entrambe le alternative.

Facebook Comments

4 Comments Hide Comments

Ullalàààà adoravo i cassoni che mi preparava mia nonna Riccione proprio con il crescione che i miei zii andavano a raccogliere durante le passeggiate al pomeriggio… adesso arrivo anche alle altre due ricette ;), grazie Flavia

Che dire di questi cascioni… io ho preferito tanto di più quelli con la cicoria ripassata, esattamente come hai fatto tu, aglio, olio e taaaaanto peperoncino. Mi sono emozionata, davvero. Ci ho aggiunto anche della scamorza affumicata, che tu non puoi mangiare mannaggia, ma la prossima volta che li fai, suggeriscila anche a Nicolò, perfetto mago dei lievitati!!!!!

Ti dirò la scamorza affumicata senza lattosio è l’unica cosa che tollero (gli altri delattosati mi fanno stare male, chissà perchè…) Quindi la prossima volta lo farò sicuramente!

Add Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.