Brodetto di pesce, la versione di casa mia

0 0

Directions

Quando si parla di brodetto di pesce, ognuno ha la propria ricetta. Cercando on line si trovano decine, centinaia di ricette… alcune tradizionali, altre personali.

Oggi  per il calendario del cibo italiano è, appunto, la giornata nazionale del brodetto di pesce ed ho pensato tanto come contribuire a questa giornata. Ho pensato di sperimentale una ricetta tradizionale calabrese o laziale ma poi ho desistito.
Oggi voglio raccontarvi la mia zuppa di pesce, un ottimo brodetto dai mille sapori che si fondono insieme perfettamente e danno vita ad un piatto ricco e gustosissimo!

Vediamo insieme come preparare questo squisito brodetto di pesce?

 

img_0771

Ps: Come pane biscottato io ho usato un pane caratteristico calabrese che si realizza con dei panini che si lasciano stracuocere nel forno a legna dopo aver tolto il pane. Il residuo del calore del forno li biscotta e le rende ideali per la conservazione e per zuppe, minestre o per delle bruschette con i pomodori freschi.  Vi assicuro che in questo brodetto ci stanno meravigliosamente!

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta, come sempre vi consiglio di leggere il post ufficiale del calendario… ambasciatrici per questa giornata Erica Zampieri e Marianna Bonello (del blog Sapori e Dissapori).

Buon appetito e alla prossima ricetta!

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Il brodetto di pesce, o semplicemente brodetto (u' bredette in termolese, broeto in Lingua veneta, el brudèt in fanese, lu vredòtte nel dialetto di Giulianova, lu vrudàtte in dialetto vastese, lu vrudètte in sambenedettese, Brudèt ad pès in romagnolo), è il piatto simbolo della cucina marinara dell'Adriatico, in particolare veneta, termolese, marchigiana, romagnola ed abruzzese.

Nelle regioni tirreniche è d'uso la zuppa di pesce.

Brodetto di pesce, la versione di casa mia

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:
  • Gluten Free
  • Lactose Free
  • Pesce

Ingredients

Share

Steps

1
Done

Pulite le cozze, eliminate le barbe e lasciatele in acqua fredda e sale con le vongole.
Eviscerate e pulite tutto il pesce. Mettete da parte i carapaci dei molluschi.

2
Done

Tritate finemente la cipolla e l’aglio e il peperoncino.

3
Done

In una casseruola fate scaldate un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva e tostate a fuoco molto alto i carapaci dei gamberi fino a farli dorare, sfumato con il brandy.

4
Done

Una volta che l’alcol sarà evaporato, ricoprite di acqua ghiacciata, fate cuocere per almeno 30 minuti e filtrate il tutto tenendo in caldo.

5
Done

In un tegame basso e largo, possibilmente di coccio, fate dorare dolcemente il trito di cipolla, aglio e peperoncino.

6
Done

Fate cuocere i pesci a partire da quellli di più lunga di cottura fino a quelli più delicati, iniziando da gamberoni, cicale di mare, moscardini e seppie.
Bagnate con qualche cucchiaio di fumetto e fate cuocere a fuoco basso e coperto per 15 minuti.

7
Done

Unite le cozze e le vongole e lasciatele cuocere fino a quando non si apriranno ed infine unire i pesci più piccoli ed i tranci di cosa di rospo.
Cuocere per altri 5 minuti, possibilmente senza mai mescolare.

8
Done

Regolare di sale e servire con pane biscottato.

Daniela

previous
Mezze Maniche artigianali con crema di zucca e guanciale amatriciano
next
Vellutata di zucca, castagne e funghi shiitake
Facebook Comments

2 Comments Hide Comments

Carissima Daniela, la scelta di usare il Brandy è un’ottima idea, che personalmente alla quale non avevo mai pensato ma che trovo molto interessante. Le tue foto parlano da sole!!! Semplicemente meravigliose. Ti ringraziamo tantissimo per aver contribuito a questa splendida giornata, con una ricetta semplice ma ricca di tradizioni, sopratutto personali. A presto. Erica e Marianna

Ciao Marianna (ed Erica)! 🙂
Ho provato vari alcolici per preparare la mia bisque (spesso solo di crostacei) da utilizzare in risotti, zuppe e tanti altri piatti e devo dire che come il brandy non c’è nulla. Vi consiglio di provarlo e non te ne pentirai! 🙂
Grazie per essere passata, questa giornata mi ha dato la possibilità di ricordare un piatto fatto quest’estate con tutta la famiglia riunita ed è stato bella da rivivere! 🙂

Add Your Comment